Il coefficiente artistico serve davvero?

Oggi rispondo a questa domanda che mi fate davvero molto spesso: il coefficiente artistico serve davvero?

Il coefficiente è un valore numerico che dovrebbe aiutarci a determinare il prezzo delle nostre opere d’arte seguendo la formula: (base + altezza in cm) x 10 x coefficiente.

È un metodo molto utilizzato in Italia che in realtà non è riconosciuto a livello internazionale.

Alan Bamberger, uno dei massimi esperti mondiali sul tema, lo ha definito in un recente articolo del suo blog “the dumbest way ever invented to price art” cioè “il metodo più stupido mai inventato per determinare il prezzo di un’opera d’arte”.

 

 

Questo perché il sistema del coefficiente si basa fondamentalmente sulle dimensioni dell’opera.

La dimensione è UNO dei fattori che influiscono sul prezzo, ma non è sicuramente il più importante.

Può tranquillamente succedere che un’opera più piccola valga di più di un’opera più grande.

 

I parametri da considerare per la valutazione di un’opera sono numerosi e svariati:

  • Medium
  • Dimensioni
  • Colori
  • Composizione
  • Soggetto
  • Periodo di realizzazione
  • Storie legate all’opera
  • Citazioni
  • Premi vinti
  • Reputazione dell’artista (brand)
  • Curriculum dell’artista
  • Storico vendite
  • Mercato
  • Ecc…

 

Tutto questo non può assolutamente essere sintetizzato con un numero che, oltretutto, nella maggior parte dei casi varia da una galleria/esperto all’altra/o.

I prezzi delle opere d’arte devono avere una caratteristica fondamentale: la CONSISTENZA, cioè devono basarsi su fattori misurabili, giustificabili e collocarsi realisticamente all’interno dell’attuale andamento del mercato dell’arte.

Altrimenti nel momento in cui ci affacciamo sul mercato internazionale, cosa che necessariamente avviene se vendiamo online, sono dolori…

In questo video approfondisco l'argomento:

 

 

Qui trovi il file con tutti i prezzi di vendita delle opere della serie Dollar Sign di Andy Warhol di cui ti parlo nel video. Puoi vedere come i prezzi varino notevolmente in relazione al colore.

 

E tu che cosa ne pensi di questo argomento? Pensi che il coefficiente sia uno strumento valido per il mercato di oggi? Scrivilo nei commenti.

 

Se stai cercando una Valutazione Professionale delle tue opere d'arte che risponda alle attuali esigenze del mercato accedi al servizio di VALUTAZIONE OPERE D'ARTE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.