Vuoi vendere le tue opere (o forse no)?

Nei giorni scorsi su Instagram abbiamo affrontato il tema della difficoltà che molti artisti provano nel lasciar andare le proprie opere.

La maggior parte degli artisti che hanno partecipato alla discussione ha ammesso di fare molta fatica a venderle o addirittura di non volerlo fare.

Se vuoi rileggere tutti gli interventi clicca sull'immagine qui sotto:
 

(Sì lo so ho scritto "arista" invece di "artista"... ma quando me ne sono accorta ormai il post era già pubblicato e la discussione avviata e ho preferito non cancellarlo)

 

Tutti vogliamo vendere ma poi... non vogliamo vendere???

Eh sì, la maggior parte degli artisti che ho incontrato (e sono davvero tanti!) desidererebbe iniziare a vendere le proprie opere o incrementare le vendite.

Ma nello stesso tempo la maggior parte degli artisti ammette di essere restìo a farlo.

Come la mettiamo allora?

 

QUELLO CHE PROVI È NORMALE

Davvero, non c'è niente di strano.

È normale far fatica ad abbandonare qualcosa a cui abbiamo dedicato tanto tempo, sudore e attraverso la quale abbiamo espresso noi stessi e le nostre emozioni.

Capita a tutti, in qualsiasi settore.

Ma un conto è provare una sensazione, un'emozione o un sentimento.

Un conto è permettere che questo ostacoli il raggiungimento dei nostri obiettivi.

 

SE VUOI VIVERE DELLA TUA ARTE DEVI VENDERLA

Sembra banale ma è così. Non puoi pagare le bollette se qualcuno non ti dà del denaro in cambio di una tua opera.

Noi esseri umani non siamo fatti solo di emozioni ma anche di razionalità (anche gli artisti!).

Il fatto che noi proviamo una determinata emozione non vuol dire che dobbiamo necessariamente agire conformemente ad essa.

Si può provare qualcosa ma FARE diversamente.

Per esempio:

  • Sono così arrabbiato che spaccherei tutto... ma non sfascio niente e trovo una maniera meno distruttiva per esprimere la mia rabbia.
  • Sono stanco e non ho voglia di andare in ufficio... ma esco e ci vado lo stesso.
  • Mi dispiace separami dalle mie opere... ma siccome voglio vivere della mia arte faccio tutto ciò che è necessario per venderle.

 

FAI ATTENZIONE ALL'AUTO-SABOTAGGIO

Quello che dobbiamo fare allora è fermarci a riflettere e fare un po' di introspezione. 

Domandiamoci: perché non vendo (o non vendo quanto vorrei)?

Ovviamente i motivi possono essere molti: prezzi sballati, non raggiungi il pubblico giusto, il brand non è ben studiato, ecc.

Ma tra le varie opzioni potrebbe esserci anche quella dell'auto-sabotaggio.

Può capitare che, se in fondo non vogliamo separarci dalle nostre opere, mettiamo in atto tutta una serie di comportamenti che più o meno inconsciamente soddisfano il nostro desiderio di non vendere.

E non vendiamo nulla.

Pensiamoci...

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.